top of page

Moon Garden



Se siete cresciuti in una famiglia disfunzionale e tossica, questo film vi colpirà come una coltellata allo stomaco.


Ogni tanto esce un nuovo film che sa sorprenderci con qualcosa che dovrebbe essere una parte essenziale del cinema; La magia. Soprattutto quando il suo incantesimo avviene attraverso la macchina da presa, alla fotografia, alle scenografie e ai costumi.



Film uscito nel 2023 e diretto da Ryan Stevens Harris, il racconto si svolge tutto all’interno della mente della piccola Emma, finita in coma dopo aver cercato di placare una lita tra i suoi genitori ormai entrati in una crisi che non vede nessuna via d’uscita.


Emma si ritroverà sommersa ed oppressa da un mondo fantastico fatto di creature assai bizzarre e poco rassicuranti. Perché anche nel suo sogno/incubo dovrà affrontare e trovare una via di fuga da chi si vuole nutrire della sua infantile dolcezza e distruggerla per poter sopravvivere. 



“Moon Garden" gioca ad una sorta di nascondino da un punto di vista emotivo dove la bambina elabora a suo modo ciò che la circonda, in particolare la crescente infelicità tra i suoi genitori. 


Emma si addentra ed esplora questo mondo, come quando si arrampica su una scala attraverso le nuvole, facendo riaffiorare alla memoria un'episodio simile vissuto con il padre. Un ricordo felice in contrasto con un altro flashback del mondo reale in cui Emma nascosta sotto le lenzuola con la madre, che vengono brutalmente interrotte dalla mano del padre che sembra essere sconvolto da un gesto di tale intimità tra madre e figlia. Un'atto tanto aggressivo che denota gelosia e una sorta di non controllo da genitore dominante.



Anche se poi lo vediamo compiere dei gesti di estremo affetto verso la sua pargoletta. Ma anche questo amore nasconde una pressione che viene imposta come un’ordine a prendersi carico di un ruolo protettivo verso la madre che sta mettendo in discussione se stessa ed elaborando i traumi del passato.



Un’ingiustizia che nessun bambino dovrebbe subire. Il loro “lavoro” dovrebbe essere solo quello di giocare e ricevere l'amore dei propri genitori e non proteggerli ed farsi carico di ruoli che non li appartengono.



Questo è il genere di film che ogni potenziale genitore dovrebbe guardare, perché salvarsi dai mostri reali significa creare mostri irreali nella nostra mente che fanno molta più paura e sono più difficili da scacciare e diventano parte integrante di noi , che si alimentano con le nostre lacrime.


Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page